informazioni su alimentazione e diete

Il Guaranà, salutare surrogato del caffé.

Il guaranà (Paullinia cupana Kunth.) è una pianta sempreverde semi-rampicante originaria della foresta amazzonica brasiliana.
guarana

pubblicità

  • Morfologia

  • Habitat

  • Curiosità

  • Usi

  • Proprietà

  • Proprietà terapeutiche

Morfologia del guaranà

Allo stato selvaggio può raggiungere i 12 metri d‘altezza, è una pianta che non necessita di appoggiarsi a sostegni o altre piante ma in certe situazioni può farlo. Nelle coltivazioni artificiali umane il guaranà è tenuto sotto forma di  arbusto o alberello non più alti di due o tre metri, per facilitarne la coltivazione, l'accudimento e la raccolta dei semi per uso alimentare che la pianta produce

Esteticamente la pianta presenta una leggera corteccia verde sui rami giovani che è invece marrone sul tronco e sulle ramificazioni maggiori.

Le sue foglie sono alternate a picciolo breve; sono coriacee, di colore verde lucido sulla pagina superiore, verde opaco su quella inferiore; presentano un margine intero e nervature principali pennate.

I fiori sono bianchi, brevemente peduncolati, singoli o, più spesso, raccolti in gruppi fino a quindici/venti .

Il frutto è una drupa, molto consistente, con epicarpo pergamenaceo di colore rosso fuoco, mesocarpo parenchimatoso biancastro che racchiude l’endocarpo (ossia il seme) legnoso che diventa della grandezza di un pisello dopo l'essiccamento.

Habitat del guaranà

Il suo habitat ideale è quello della foresta amazzonica dove cresce spontaneamente lungo i fiumi. Questa pianta viene anche coltivata a scopo industriale; la sua coltivazione si concentra soprattutto nei comuni di Maués e Urucarà, situati lungo il Rio delle Amazzoni, a est di Manaus.

Curiosità del guaranà

Il guaranà ha una storia antica. È stata pianta sacra per molte tribù di indios. A causa del suo «strano» frutto, attorno a questa piccola pianta, che altrimenti sarebbe forse passata inosservata, sono nate tantissime leggende e miti. Vi sono leggende che in un tempo molto remoto, visse una ragazza dall’aspetto e dall’animo gentile; il suo nome era Cereaporanga ed era protetta dalla dea della bellezza e della vita. Un giorno Cereaporanga incontrò un valoroso guerriero di una tribù nemica e si innamorò di lui. Il loro amore avrebbe potuto superare tutto, ma i due innamorati non sarebbero mai riusciti a far cessare l’odio che esisteva da anni tra le due tribù; così decisero di fuggire insieme per essere felici. Durante il tragitto Cereaporanga incontra un’ anaconda ferita e, nonostante il pericolo, il suo dolce cuore la spinse ad aiutarla; la curò con tutto il suo affetto, ma non sapeva che questo gesto le sarebbe stato fatale. A causa di questa «sosta» i guerrieri della sua tribù si avvicinarono sempre più; quindi, accortasi di essere inseguita e certa che il suo uomo sarebbe stato catturato e ucciso, stabilì un patto di amore e di morte; chiese al grosso serpente di stringerli, con tutta la sua forza, nel loro ultimo abbraccio. Gli indios vedendo i due innamorati nel loro ultimo gesto si disperano per la morte della loro protetta. Chiesero subito aiuto alla dea della bellezza e della vita affinché almeno lo spirito della donna non li abbandonasse; così la dea, commossa dal gesto di Cereaporanga, fece nascere dai suoi occhi una pianta i cui frutti sembrano, all’aprirsi, due splendidi occhi neri; proprio come quelli della fanciulla più bella.

Usi del guaranà

* Il guaranà è sempre stato considerato dagli indios come elisir di lunga vita; la sua importanza era alta in tutte le varie tribù dato che forniva loro cibo e mezzi per curare le malattie, preparava e sosteneva l’organismo. Il suo utilizzo era centrato soprattutto sull’effetto tonico – stimolante e veniva quindi impiegato per aumentare la resistenza fisica, per la caccia, ecc… Molte tribù di indios, però, andarono oltre a questo palese effetto e utilizzavano il guaranà anche per combattere la diarrea, per alleviare i dolori mestruali, per le malattie che indebolivano … e anche per riuscire a vedere/capire meglio le cose che ci circondano; uno scopo sicuramente legato al fatto che la pianta stessa ha gli occhi per vedere. Vengono utilizzati esclusivamente i semi, e, ogni tribù aveva il suo sistema di prepararli ma, in genere, gli indios brasiliani, tendono tutti alla stessa preparazione: si colgono i grappoli, scegliendo i frutti quando sono semi aperti, che sono messi in contenitori pieni d’acqua fredda per estrarne l’epicarpo, e, dopo la pulizia, sono tostati a fuoco lento nello stesso giorno della raccolta; successivamente sono pestati. Ridotti i semi in polvere, si aggiunge un po’ d’acqua, continuando a pestarli fino a formare una pasta omogenea. A questa pasta gli si dà una forma di «panetto» e la si porta al sole, dopo viene messa a fumigare al fuoco di legni resinosi. Questo panetto viene poi grattugiato al momento del bisogno.
Nelle preparazioni del Venezuela invece i semi, spogliati dagli involucri, vengono triturati in acqua calda, addizionati con farina di manioca, lasciati fermentare per un certo tempo ed impastati con l’acqua bollente fino ad ottenere una pasta che viene essiccata e fumigata.

* Il guaranà, viene molto utilizzato nell’America meridionale per la preparazione di una bibita, leggermente frizzante, chiamata appunto «guaranà«, tipo Coca – Cola, che ha un sottile effetto stimolante e un buon sapore dolce. Per il suo uso medicale lo si può trovare in compresse, in bastoncini o, meglio ancora, in polvere. Ultimamente, sul mercato Europeo, forse per una «moda», si trovano in commercio anche delle caramelline e delle praline di guaranà

Proprietà del guaranà

Composizione chimica: (nei semi secchi)

- Guaranina (caffeina) 4/5 %

- Olio fisso 2/3 %

- Acido tannico* 5 %

- Acido piro – guaranà 2 %

- Saponine 0,06 %

- Amido 9 %

- Glicosio 1 %

- Fibra vegetale 49 %

- Acqua 7/8 %

- Pectina, destrina, sali minerali, acido malico 7/8 %

*(analogo alla Kolatina della Noce di Kola) o guaranatina o acido guaranatannico. La teobromina è contenuta nei fiori, nelle foglie e nella corteccia, ma manca nei semi.

Proprietà terapeutiche del guaranà:

pubblicità

Le proprietà del guaranà sono innumerevoli, ampiamente sperimentate, documentate e, a seconda del soggetto, prevale un effetto su di un altro. Comunque, grazie al suo alto contenuto di principi attivi naturali si manifesta con un senso di benessere immediato, facilmente riscontrabile; la temperatura del corpo raggiunge un livello ideale e resta nel suo stato normale. È uno stimolante efficacissimo in tutti gli stati di depressione nervosa, sonnolenza, adinamia consecutiva a infezioni, malaria; favorisce la digestione nei soggetti ipopeptici ed è facile infatti, vincere con essa la cefalea consecutiva ai pasti delle persone a digestione lenta, è quindi anche stomachico. Vince spesso la stitichezza abituale, favorendo la contrazione delle fibre muscolari delle pareti intestinali, aiuta contro il meteorismo. Eccita da un lato i centri nervosi e specialmente il cervello, del quale facilita e rende più intensa l’attività e dall’altro lato la funzione circolatoria, rinforzando la contrazione cardiaca, aumentando la pressione endovasale. Secondo le ricerche scientifiche, il guaranà presenta proprietà antianemiche, antinfluenzali, antinevralgiche, stimolanti, analgesiche, afrodisiache, antidiarroiche e allo stesso tempo libera dalla stitichezza (dato che combatte le infezioni dei microbi che attaccano il sistema gastrointestinale, è un grande disinfettante intestinale). Questo seme inoltre è un potente diuretico e diaforetico e aiuta ad eliminare i liquidi in eccesso nell’organismo, del resto riduce gli stimoli della fame, è quindi utile nelle cure dimagranti. È inoltre un ottimo preventivo contro i mali della vecchiaia: è un eccellente tonico geriatrico.

vuoi commentare questo articolo o proporne uno tu alla redazione: clicca qui

idealdieta ©  disclaimer e condizione del servizio | Idealdieta © 2017