informazioni su alimentazione e diete

pubblicità

TRE DOMANDE , TRE RISPOSTE di TRE SCIENZIATI IN MATERIA di NUTRIZIONE

Integratori alimentari Shapeworks di Herbalife SONO UTILI, A COSA SERVONO, CHE BENEFICI PORTANO, COME ASSUMERLI NEL MODO GIUSTO

Perché prenderli?
Risponde Michele Carruba, presidente dell'Associazione nazionale specialisti in scienza dell'alimentazione.

«Perchè si mangia male e perchè il cibo non è più quello di una volta. Mi spiego. Abbiamo esportato la dieta mediterranea, ma stiamo importando tutte le peggiori abitudini alimentari dei paesi che hanno subito una trasformazione industriale molti decenni prima dell'Europa. Così oggi, se gli americani hanno scoperto spaghetti e pizza, gli italiani consumano sempre più hamburger e snack, ricorrono agli alimenti preconfezionati, mangiano più spesso fuori casa per giunta in fretta e parlando di lavoro.
• Le nuove mode hanno sconvolto gli stili alimentari tradizionali del nostro paese. Ma non solo; le manipolazioni industriali, per altro giustificate sul piano igienico o di marketing, hanno stravolto i contenuti in termini nutritivi di gran parte, dei cibi di cui ci nutriamo. Per esempio, la modCa degli alimenti tight con pochi grassi mette a repentaglio l'assorbimento delle vitamine liposolubili A, D, E, K. Neppure con i prodotti freschi, però, c'è da star tranquilli. Dovremmo chiederci: quante arance erano sufficienti ai nostri nonni per coprire il loro fabbisogno quotidiano di vitamina C? Forse due, tre. Oggi non ne bastano cinque o sei, dai momento che le arance sono raccolte prematurcamente dall'albero, rimangono per settimane ir, magazzino e quando arrivano sulla nostra tavola hanno già perso la metà delle vitamine. Vitamine e minerali si trovano anche in pesce, carne, formaggi. Ma anche questi alimenti sono sottopost a manipolazioni industriali che spesso li impoverscono».

pubblicità

Quanti ne servono?
Risponde Maurizio Lucà Moretti, nutrizionista e segretario generale della World Academy of Medicine of Usa

«Voglio dire innanzitutto che gli abitanti delle grandi città, che spesso seguono una dieta squilibrata, dovrebbero a mio parere prevedere un'integrazione vitaminico minerale continua. Sì, può significare prendere integratori per tutta
la vita, ma ne vale la pena se lo scopo è quello di prevenire malattie future. Non è detto che ci si accorga dei benefici di queste sostanze, che lavorano in modo invisibile. Questo perchè la malnutrizione dà sintomi precisi solo quando è
grave. Invece, la gamma di possibilità tra malnutrizione conclamata e nutrizione ottimale è pressochè infinita, e gli integratori agiscono spostando il benessere a un livello più alto».

Come farne uso?
Risponde Benvenuto Cestaro, direttore della Scuola di Scienza dell'alimentazione di Milano.

«Se la domanda è: meglio gli integratori multivitaminici multiminerali, cioè quelli che forniscono un complesso di sostanze diverse, píuttosfo di singoli nutrienti, la risposta è: rivolgetevi preferibilmente ai primi. Questo perchè si sta scoprendo che le sostanze nutritive agiscono in un gioco di squadra e si potenziano a vicenda. In natura già succede; gli alimenti, freschi, integri, non manipolati, hanno dentro tutto quel che serve perchè vengano correttamente assimilati e svolgano le loro funzioni. L'industria degli integratori segue oggi la stessa strada e ha creato formule per le più comuni situazioni carenzialí>>.

DAL MENSILE TOP SALUTE DOSSIER INTEGRATORI

vuoi commentare questo articolo o proporne uno tu alla redazione: clicca qui